Vai al contenuto

Quando si parla di procrastinazione, online e offline, vedo che un sacco di gente spara le tipiche stronzate di chi non ha mai sofferto di un problema seriamente in prima persona e non lo ha nemmeno studiato, e si limita a farsi un’opinione e dare consigli basandosi su quello che ha sentito dire in giro.

I peggiori sono i fantomatici “guru del cambiamento personale”: molti di loro conoscono appena la procrastinazione e si sentono in diritto di parlarne come se fossero degli esperti. Magari qualcuno di loro (lo 0,0001%) l’ha studiata per bene, ma gli manca comunque quella comprensione diretta di chi ha vissuto un grave problema in prima persona e l’ha superato con coraggio e fatica.

Io sono stato un procrastinatore cronico per anni. Per anni la procrastinazione ha distrutto la mia vita e uscirne non è stato facile manco per il cazzo. Perciò quando sento i guru cazzari e la gente consigliare dei metodi totalmente inutili, sottovalutando il problema o riducendolo a mera pigrizia, mi fumano le orecchie e mi incazzo come un animale. ...continua a leggere "5 Stronzate sulla Procrastinazione dette dai Guru della Crescita Personale"

Immagina di essere un pediatra e avere una conversazione con una madre antivaccinista nel tuo studio. Sai perfettamente, grazie agli studi che hai fatto e alle ricerche che hai letto, che non c’è alcuna correlazione tra autismo e vaccini.

Per convincere la madre davanti a te che hai ragione, le rifili una sfilza di dati e informazioni scientifiche pensando “Tutto questo la convincerà di sicuro a far vaccinare il figlio”.

Ma lei si alza dalla sedia e se ne va dallo studio urlando che sei in torto, che è tutto un complotto dell’industria farmaceutica, ecc.

...continua a leggere "Perché i dati non cambiano l’opinione delle persone?"